Racconti tagged posts

Che poi mi chiedono perché scrivo

Avrei parecchie persone da ringraziare in questi  giorni e, con un po’ di tempo, loro farò personalmente, promesso.

Qui, oggi, voglio invece dire grazie a una persona speciale, una delle poche in grado di distrarmi veramente in questo periodo.

Qui, oggi, voglio dire grazie a Milo.

Milo è un ragazzino di 13 anni che vive nella mia testa (tutto a posto, non preoccupatevi, poi migliora, eh).

Milo, dicevo, è un ragazzino di 13 anni che sta per assistere alla fucilazione del padre (migliora, davvero, anche se ora magari non sembra), colpevole di aver ucciso un soldato nemico.

Mi chiamo Emilio Zambon, ho tredici anni e a mezzogiorno in punto i tedeschi fucileranno mio padre.

Il paese intero, o almeno quello che ne rimane, è sceso in piazza per assistere all’esecuzione. Da mesi non si vedevano tanti civili riuniti alla luce del sole. Mamma dice che così dimostriamo la nostra indignazione. È convinta che, se li guardiamo dritti negli occhi, non oseranno farlo davvero. Io dico che il coraggio di guardarli magari lo trovo pure. Loro però, secondo me, papà lo fucilano lo stesso.

Il plotone è pronto a fare il suo ingresso nella piazza. Dodici soldati semplici e il loro caporale. Tutti con la stessa divisa, gli stessi stivali di cuoio, il fucile imbracciato alla stessa maniera. Lo stesso sguardo più di tutto. Vuoto. Come se non rimanesse poi molto da guardare.

Alle nostre spalle la grande torre della chiesa, da giorni priva delle campane, sta ritirando la sua ombra verso di sé. Quando non resterà che una piccola macchia scura stesa ai suoi piedi, sapremo tutti che è arrivato il momento.

Read More

Perché scrivo. Ovvero, perché scrivo?

IMG_5821

Quando ho iniziato a frequentare il corso di scrittura ero troppo preoccupata a sprimacciare il mio sogno per chiedermi cosa sarebbe successo poi. Sapevo che la fase iniziale mi avrebbe vista alle prese con i miei enormi limiti, con i tanti difetti, con le lacune e le piccole e grandi ingenuità.

Sto imparando tantissimo. Mi esercito molto, faccio tutto quello che mi viene detto, accetto di buon grado le critiche e provo a ricostruire partendo proprio da queste. Il fatto, però, è che credo di aver dato per scontato che alla prima fase ne sarebbe seguita una seconda in cui i limiti sarebbero stati superati, i difetti corretti e le ingenuità eliminate.

Read More

Anno nuovo, facciamo il punto

Buon anno a tutti. E dunque i Maya stavano scherzando e siamo ancora qua. Tutto bene da quelle parti? No, perché qui siamo un po’ provati dalle vacanze natalizie. Belle eh, per carità, se leviamo un paio di dettagli. Tipo il mio mal di schiena che risale alla metà di dicembre o il fatto che il regalo del secolo (comprato da me stessa medesima) è stato accolto dal sensibile animo marmocchio con un che schifo molto più che sentito. Una borsina cucita a mano, pezzo più unico che raro, archiviato nella cesta dei peluches. Poi invece il Ninnatore si presenta con le canzoncine di Peppa Pig e viene accolto come il salvatore del Natale. Vabbè, gli piace vincere facile (e comunque viva viva l’artigianato italiano!).

In compenso il capodanno al mare con amici è stato un successone.

Inizia un nu...

Read More

Certe sere

Certe sere le aspetti da così tanto, che sembra non arrivino mai. Non è che proprio ci speri, ma qualcosa nel tuo cuore al solo pensiero s’infiamma.
Certe sere decidi coraggiosamente che vuoi viverle da sola. Perchè, per quanto possano spaventare, sono proprio quelle sere che ti fanno crescere e fare un passo avanti verso il tuo sogno. Comunque vada.
Sono in anticipo di una vita e non so davvero come ingannare il tempo nell’attesa. Passeggio su e giù senza avvicinarmi troppo all’obiettivo. Ci vuole tempo per certe cose. E fortunatamente non mi manca.
Al primo tentativo viro a destra cento metri prima di fare centro. Non male, mi dico, se non altro mi sono avvicinata. Finisco in un bar nel quale investo una discreta somma per un caffè pessimo. Pessimo investimento. Inspiro r-espiro. Inspiro r-espiro. Devo assolutamente ricordarmi di respirare per il resto della serata.
Ok, ci sono. Io… andrei.
Col secondo tentativo ma...
Read More