google tagged posts

Come mi cerchi, così mi trovi: chiavi di ricerca un po’ bizzarre

Se c’è una cosa per cui vale la pena essere blogger, è decisamente leggere le parole chiave inserite nei motori di ricerca e che conducono, chissà per quali perversi meccanismi, al tuo blog. E allora oggi condivido con voi alcune delle voci che oserei definire più… originali.

Avevo già consigliato a chi, qualche settimana fa, giungeva su Robedamamma cercando Osanna Milano Calibro 9 (e si soffermava tra le pagine del blog trovando forse materiale di suo interesse) di vedersi per un caffè con chi lo stesso giorno avrebbe voluto trovare qui da noi un’ Adorazione con la ola. E magari parlarne fra di loro. Così, giusto per capire dov’è che il loro progetto di vita ad un certo punto ha fatto acqua.

Ora vorrei aggiungere, per chi approdava qui da noi cercando chi c’è?, che noi siamo qui eh. Insomma, quando vuole.

A chi intimava Attenzione!! vorrei dire che sto all’erta da una vita, e a chi si sente Vittima della legge di Murphy consiglio la lettura di questo post, esprimendo la mia più totale solidarietà.

Per la serie famolo strano, il post in cui redarguivo il Gobbo di Notre Dame attirava un soggetto con dei gusti alquanto bislacchi che, cercando Sognare la mamma con il gobbo, si faceva un giro da queste parti non trovando magari quel che cercava, ma procurandomi cinque minuti di risate senza sosta. E poi va bè, i gusti son gusti.

Ma andiamo avanti.

Read More