Il karma esiste e ora ne ho le prove

Quest’anno lei ha fatto la letterina di Natale cambiando idea più e più volte. Ha messo e tolto, tolto e messo, scritto e cancellato senza tregua, spaziando dal laboratorio di chimica a nuove marionette per il suo teatrino. Depennava, sostituiva, aggiungeva, lasciando un solo punto fermo, sempre lì, in bella mostra, con tanto di foto per evitare incresciosi errori: la testa di Troll da spazzolare.

Una testa. Di Troll. Capite? Con un fungo atomico di capelli fucsia e stoppaciosi sul cranio. Sono 44 euro, grazie.

Ora, con tutta la buona volontà, e sebbene qualche anno fa io avessi promesso di non intromettermi mai più nella sua corrispondenza con Babbo Natale, non potevo davvero cedere. D’altronde, come si sul dire, non siamo mica qui a pettinare i Troll.

E così ho cercato di farla desistere, puntando sul fatto che, se Babbo Natale avesse speso tutti quei soldi per la testa mozza di Troll, non avrebbe poi potuto portarle altro.
E lei si è convinta, eh. Ha staccato dalla letterina la foto del Troll testone e ne ha attaccata un’altra. Un’altra testa. Più economica. E mille volte più inquietante. Di quelle che di notte ti aspetti di ritrovartele ai piedi del letto.
Ero disperata! Così ho chiesto aiuto a lui, sapendo non mi avrebbe delusa. Cassatore di giochi idioti per eccellenza, lui ha fugato tutte le mie perplessità in un attimo con un  “Fossi matto! Nessuna testa mozza né di Troll né di chiunque altro entrerò mai in casa nostra! Daremo la colpa a Babbo Natale.”

E se poi ci si sporca il karma?” ho chiesto ingenuamente io. “Ma quale karma e karma, cassa la testa e stai serena.”

Due ore dopo, e non vi spiego come, sono salita col ginocchio sopra lo schermo a cristalli liquidi del mio pc portatile, devastandolo irrimediabilmente.

E questa è stata solo una delle sfighe che hanno preso a perseguitarmi (tanto per farvi un elenco rapido, e per niente esaustivo, mi piove in macchina e ho la schiena bloccata).

Capito che questa storia del karma era vera, ma vera sul serio, mi sono subito messa all’opera per tentare di ripulirlo.

Ho seguito punto punto la letterina di mia figlia senza batter ciglio, aiutato un’anziana a portare le buste della spesa (io, la Sorellina, il passeggino e il mio mal di schiena. Che alla fine, poverina, era lei che voleva aiutare me, ma è la buona volontà che conta, no?) e risposto molto più che cordialmente a tutti gli operatori di telemarketing che mi hanno chiamata in questi giorni (che poi temo di aver cambiato gestore telefonico almeno quattro volte e aderito a uno di quei club del libro grazie al quale riceverò un Moccia al mese fino all’eternità, ma vabbé).

E andava bene, andava tutto bene, pareva proprio la situazione stesse migliorando.

Così, qualche giorno fa, col mio karma fresco di bucato, mi sono recata in un negozio di giocattoli a ultimare gli acquisti natalizi per le bimbe.

Fiera di essermi ripulita il karma in così poco e felice di aver esaudito tutti i desideri delle mie bambine, sono andata alla cassa, dove una signorina tutta sorridente mi ha chiesto se volevo m’incartasse i regali. Ma io ho risposto che no, non volevo, perché la carta aveva il logo del negozio e mia figlia, che è già grandina, mi avrebbe sgamata al volo, scoprendo che Babbo Natale non esiste e a farle i regali siamo sempre stati io e il papà.

E sono scoppiata a ridere di gusto. E ridevo io, e rideva lei, in questo clima natalizio di giovialità.

Finché poi mi sono girata e mi sono trovata faccia a faccia con un nano di poco più di un metro che mi fissava con gli occhi sgranati e la bocca spalancata. Avrà avuto sì e no 5 anni.

Ora, ditemi, così su due piedi. Quanto ci vorrà secondo voi a ripulirmi il karma nuovamente dopo aver svelato a un cinquenne che Babbo Natale non esiste?

Pace e bene a tutti voi, amici miei, il Natale si avvicina a grandi passi ma noi ci faremo trovare pronti!

Ndr. Nella foto la reazione della Sorellina a tutta questa faccenda del karma.

Related Post

4 comments to Il karma esiste e ora ne ho le prove

  • Elena Valli  says:

    Nooooooooooo Valeee. Ma c’era la mamma con lui? Ma ti ha fulminata? Gli hai detto che stavi scherzando vero? Oh mamma.

    • robedamamma  says:

      Eleeeee!! Io e la cassiera ci siamo lanciate in un salvataggio al limite del ridicolo, non sapevamo più cosa fare! La mamma c’era. E voleva ucciderci!

  • Chiara  says:

    X eliminare le sfighe non è necessario ripulire il Karma ma solotanto il tuo portafoglio per acquistare il Troll….e le sfighe magicamente termineranno!
    Quanto ho riso a leggerti Valeria!

    • robedamamma  says:

      Ah ah dici? Mi sa che non resta altro da fare! 😉

Rispondi