In Germania col marmocchio: giorno 5

allerheiligen

18 agosto 2015

Nella parte settentrionale della Foresta Nera c’è un posto meraviglioso che dovete assolutamente includere nel vostro tour. Si tratta di Allerheiligen con le sue stupende cascate e le suggestive rovine del monastero. La camminata, dalle rovine fino alla cascata, è davvero mozzafiato, tra la vista delle valli tutte intorno a voi e i numerosi ruscelletti che vi scorrono a fianco.

Per vedere le cascate in tutto il loro splendore (ovvero dal punto più basso) dovrete scendere una lunghissima scalinata. Il ritorno sarà un po’ faticoso, ma se l’ho fatto io con la panza di quattro mesi quasi cinque, direi che non è assolutamente proibitivo per nessuno. Ne vale la pena, credetemi!

allerheiligen wasserfalle allerheiligen allerheiligen

allerheiligen allerheiligen wasserfalle allerheiligen allerheiligen wasserfalle allerheiligen wasserfalle allerheiligen wasserfalle allerheiligen wasserfalle

allerheiligenallerheiligen allerheiligen

Procedendo ancora verso nord, e prima di lasciare definitivamente la Schwarzwald, facciamo ancora un paio di soste. La prima è sulle rive del Mummelsee. Adoro questo susseguirsi di laghetti, mi rilassano e mi riempiono gli occhi di meraviglia che voglio conservare al mio rientro a casa.

mummelsee mummelsee mummelsee mummelsee mummelsee mummelsee

Accanto al lago troverete un bellissimo parco giochi per bambini con altalene e scivoli, percorsi tra gli alberi e macchinine a disposizione (sì, liberamente, senza timore alcuno che vengano asportate da qualche furbo. In Germania il rispetto delle regole è naturale e spontaneo. Abbiamo molto da imparare da questo punto di vista).

Sulle rive del lago, e a ridosso del parco, ci sono diversi tavoli di legno per il picnic (un occhio al lago, un occhio al marmocchio sui giochi). Se non siete attrezzati con il cibo niente paura perché la tavola calda ha prezzi abbordabilissimi con specialità del posto da leccarsi i baffi.

Qui, sempre a proposito delle regole tedesche e della loro applicazione) scopriamo un’idea per niente malvagia. Se ordinate una birra vi verranno addebitati 3/4 euro per il boccale. Niente paura, basta riportarlo alle casse a birra ultimata per avere indietro la cauzione. A volte basta poco per vivere nell’ordine, non credete? Anche se, chissà perché, ho il dubbio che la regola sia stata creata dopo il passaggio in loco di qualche nostro connazionale. E va bé.

La seconda tappa ci coglie all’improvviso sulla strada. Si tratta del Mehliskopf*, un parco avventura con attrazioni incredibilmente divertenti per grandi e piccini. La Marmocchia e il papà di lanciano alla scoperta dell’Alpinecoaster, vere e proprie montagne russe a cielo aperto (un giro 4 euro circa gli adulti, 3 euro i bimbi da 3 a 1o anni). Io e panza li osserviamo da valle con una certa invidia. Sarà per la prossima volta. Nella stagione invernale il parco si arricchisce di tutte le attrazioni legate allo sci. Vale davvero una visita.

mehliskopfmehliskopf mehliskopf mehliskopf

In serata, piuttosto cotti dalla giornata avventurosa, ci fermiamo a Bingen,sulle rive del Reno*, per il meritato riposo.

Alla prossima tappa amici belli.

Info e indirizzi utilli:

Mehliskopf – Shwarzwaldhochstrasse – Sand / Buhl-Baden

Hotel Munsterer Hof – Rheinstrasse 35 – Münster-Sarmsheim.

Related Post

Rispondi