I venerdì col marmocchio: l’Abbazia di Chiaravalle

IMG_4414

Lo so, prima la Certosa di Pavia e ora l‘Abbazia di Chiaravalle, ci saremo mica date ai percorsi spirituali? La realtà è che spesso il sabato io e lei siamo sole. Fuori c’è il sole e noi abbiamo un cesto da picnic nuovo di pacca desideroso di essere sfoggiato in pubblico. E se all’abbuffata all’aria aperta uno ci aggiunge pure il sopralluogo culturale, meglio no?

Così sto risfoderando i luoghi della mia infanzia e devo dire che per ora è stato un gran successone. Le chiese affascinano. Se poi sono oggettivamente belle, e con una storia interessante alle spalle, sono la meta ideale per un pomeriggio che fa contenti un po’ tutti.

Anche in questo caso l’abbinata vincente è stata picnic con giochi all’aria aperta e visita guidata all’Abbazia (come al solito rimediata all’ultimo e solo dopo aver scoperto che, causa matrimonio, la chiesa non sarebbe stata visitabile prima del tardo pomeriggio).

Ci siamo quindi aggregate alla visita guidata al chiostro e al mulino con un gruppo di simpaticissimi signori torinesi che sono letteralmente impazziti per la Marmocchia (che abbassava di un tot l’età media della comitiva).

Il monastero di Chiaravalle è stato fondato nel 1135 ed è famoso per la sua torre campanaria chiamata Ciribiciaccola (che io chiamo CiribiRIciaccola da sempre, e va bè!).

L’abbazia è abitata e gestita dai monaci che seguono la regola di San Benedetto: ora et labora (prega e lavora).

La visita all’abbazia comprende la chiesa, il chiostro e il mulino. I primi due sono visitabili anche in maniera autonoma e gratuita oppure prenotando una visita guidata. Al mulino invece si accede solo accompagnati e con biglietto.  Qui trovate prezzi e indicazione della durata della visita.

Lungo il percorso potrete osservare anche la sala capitolare, l’antico refettorio, le residenze dei monaci, e altre sale. Tutti luoghi molto affascinanti che raccontano molto della vita della comunità che li abita.

La Marmocchia ha amato moltissimo la visita al mulino, recentemente restaurato, rimanendo molto contrariata dal fatto che tutt’oggi stanno aspettando l’arrivo dell’acqua perché riprenda a funzionare.

Fuori dal mulino non dovete perdere l’Orto dei Semplici, nato come piccola farmacia a uso proprio dei monaci ma che, col tempo, si è aperto alla vendita di prodotti al pubblico. Timo, uva orsina, finocchio, rafano, salvia, rabarbaro. Troverete davvero un po’ di tutto in questo piccolo orto.

A fine visita potrete intrattenervi nella bottega dove i monaci vendono i loro prodotti: creme, saponi, tisane, birra, miele e marmellate, e poi pasta, riso, uova, formaggi, ma anche libri e oggettistica varia.

Il chiostro

IMG_4400

IMG_4417

IMG_4398

IMG_4423

La Ciribiciaccola

IMG_4420

La sala capitolare

IMG_4412

IMG_4416

Il refettorio

IMG_4427

La chiesa

IMG_4466

IMG_4432

IMG_4477

e lo sposo volante 🙂

IMG_4480

Il mulino

IMG_4439 IMG_4443 IMG_4445

IMG_4456

L’Orto dei Semplici

IMG_4461

La bottega dei monaci

IMG_4478

L’Abbazia di Chiaravalle si trova a Milano in via Sant’Arialdo n. 102.

Orari: martedì – sabato dalle 9.00 alle 12.00 e (anche la domenica) dalle 15.00 alle 17.00.

Tutte le info sul sito web.

Related Post

Rispondi