Robedamamma – capitolo 4: la terza mano delle mamme

Sul comodino tenere l’ultimo di Eco accanto a “Il tuo bambino e il vasino“.
Cercare le chiavi della macchina in borsa e trovarle solo dopo aver afferrato un pannolino (buono), un sonaglino (ciucciato), le salviettine per il cambio (aperte e ormai irreparabilmente seccate) e un piattino di Hello Kitty che oggi, tra l’altro, festeggia un mese di permanenza nella vostra borsa.
Stare a lavoro e pensare alla Marmocchia. Stare con la Marmocchia e meditare la fuga.

Completare un modulo intero di un corso di scrittura (esercizi compresi) mentre si gioca al listolante pappa e pizza.
Parlare in infrasuoni al telefono con un’amica marmocchio-free che ha evidentemente chiamato in orario di nanna.
Parlare in ultrasuoni al telefono con un’amica marmocchio-dotata che ha evidentemente chiamato in orario di veglia.
Trovarsi sul retro del giornalaio a spiare le copertine delle riviste per mamme. Essere importunate da un tizio in impermeabile che sembra interessato alle vostre stesse riviste. Ah no, non sono le stesse.

Riuscire ad interpretare, nell’arco di dieci minuti, la cliente del nigozio di palluchiele, la paziente moootto malata, la Signola del tè. Nel frattempo aver organizzato la cena, fatto la lista della spesa a memoria e risposto sotto banco ad una mail urgente.

A tavola usare una mano per aiutare la Marmocchia a mangiare, una per aiutarla a bere e una per alimentare voi stesse.
Rallegrarsi del fatto che la maternità non vi abbia fatto spuntare il terzo occhio ma la terza mano sì!

Avere sempre un numero interminabile di cose da fare, scadenze da rispettare, liste da spuntare.

Essere stanche, enormemente stanche.

Sentirsi vecchie, incredibilmente vecchie.

Ma, in taluni attimi di sobria felicità, nutrire ancora infinite speranze. Se non altro per essere arrivate indenni fin qui.

Related Post

12 comments to Robedamamma – capitolo 4: la terza mano delle mamme

  • Daniela  says:

    …bello iniziare una giornata un pò grigia…con un tuo aneddoto mammifero…ora mi sento decisamente meglio!!!!!

  • robedamamma  says:

    Sono contenta Dany, e spero la giornata rimanga sui toni “pastello”!
    E come dice la Marmocchia: Un bacio e anche un abbraccione!

  • Michela  says:

    Hahahahahahaha ma povera Vale… comunque è mezzanotte passata e io me ne sto qui a ridere da sola come una pazza davanto al PC, grazie tante, sai 😉

  • robedamamma  says:

    :-))) Grazie a te per i suggerimenti di lettura che per ora si sono rivelati… Illuminanti!! Spettami che vengo di là!

  • Lucia  says:

    Ecco, esattamente così!

    • robedamamma  says:

      🙂 grazie del passaggio, a presto

  • Mamma Avvocato  says:

    Mi ci ritrovo in pieno!

  • Francesca  says:

    Hahahaha mi hai fatto troppo ridere perché mi sono ritrovata in tutto!
    Guarda un po’ anche ora ti leggo: dovremmo avere giornate di 40 ore! E la casa e’ così deliziosamente silenziosa ora, che quasi quasi leggo pure qualche pagina di un libro prima di andare a letto…

    • robedamamma  says:

      Sei riuscita a leggere? O come me a marmocchia addormentata l’autonomia va dai dieci ai quindici minuti e poi mi investe il sonno da orso bruno?? 😉

  • Marta  says:

    Questo post avrei dovuto leggerlo domenica, dopo una giornata intera a inseguirlo e consolarlo nei suoi momenti di crisi. Alle sera sul divano io e il padre sembravamo due zombie!

    • robedamamma  says:

      Ah ah, immagino bene la scena! Questo post l’ho scritto un sacco di tempo fa. Poi migliora. E ti spunta pure il terzo piede!! 😉

  • lipstik&dummy  says:

    hahaha…perfettamente aderene alla realtà, soprattuto nella parte del sentirsi terribilmente vecchie e terribilmente stanche. Se la teoria di Darwin e dell’evoluzione della specie funziona, allora fra qualche millennio tutte le donne avranno la terza mano ( ma poi occuperebbero anche quella e ci sarebbe bisogno di una quarta…) Cmq, la cosa che fa più imbestialire, è che gli uomini ( soprattutto i colleghi di lavoro) questa cosa proprio non la capiscono…Tempo fa un mio collega mi ha fatto un commento che mi ha ucciso dentro…se hai voglia, questo il mio post http://wp.me/p3xKFH-16

Rispondi