Il mio Luglio fotografico #instagram 7/14

928003_1444184032517512_1028947531_n

Questo luglio così intenso non mi ha lasciato molto tempo per le parole scritte. Ci sono state però tante parole dette, abbracci grandi, città stupende e momenti di emozione immensa. Ho vissuto tanto in questo mese e avrei voluto parlarvene di più. Non c’è stato tempo, perciò provo a recuperare ora, sperando che anche per voi luglio sia stato un mese pieno e felice.

Lugli...

Read More

Di viaggi, città meravigliose, amicizia e marmocchi

10507811_282709715234817_774080420_n

Voi lo fate mai (o lo avete mai fatto) di prendere un treno e andare ad abbracciare una persona? Così, solo per il piacere di farlo? Per parlare anche delle cose di sempre, ma guardandosi negli occhi per una volta. Che non è tutto in amicizia. Però conta anche quello, e ogni tanto ci vuole.

Io e la Marmocchia siamo state a Torino

Read More

Che gli leggo al pupo? Federico

IMG_6059

Federico è un giovane topolino che, insieme ai suoi compagni, vive vicino a un granaio. Arriva l’inverno e, poiché i contadini hanno abbandonato la fattoria, tutti prendono a lavorare duramente per fare provviste. Tutti tranne Federico.

IMG_6034

“Federico, perché non lavori?” 

“Come non lavoro”, rispose Federico un po’ offeso.

“Sto raccogliendo i raggi del sole per i gelidi giorni d’inverno”.

Federico è infatti impegnato nella raccolta di un’altro tipo di provviste, anch’esse molto importanti: calore, colori e parole.

Cibo per l’anima, dunque, importante per superare l’inverno come quello raccolto dagli altri topini.

E Federico, alla fine, riuscirà a dimostrare ai suoi compagni che anche il suo raccolto è stato molto importante.

Non voglio applausi, non merito alloro...

Read More

In vacanza col marmocchio: viaggiare assicurati

bon voyage

Se c’è un incubo ricorrente, quando si parla di viaggiare, lo smarrimento dei bagagli è per me da sempre ai primi posti. Io sono quella che, al check-in, si fa prendere dal panico nel salutare la valigia sul nastro, certa che verrà smarrita o quantomeno consegnata in ritardo. Che poi, diciamocelo, non c’è modo migliore per rovinarsi le vacanze.

Ora, se viaggi in coppia, senza marmocchi al seguito, lo smarrimento o la ritardata consegna dei bagagli è una seccatura che si può mettere a tacere con una bella sbronza al chiar di luna, occhi negli occhi col tuo lui. Certo poi, se questa doveva essere una vacanza romantica, e la mattina seguente del tuo bagaglio ancora non si vede l’ombra, cose tipo spazzolino e dentifricio inizieranno a mancarti come niente mai prima d’ora...

Read More

I venerdì col marmocchio: Grazzano Visconti

grazzano 7Se il Medioevo vi affascina, se vi piace la magia e amate le atmosfere faantasy, Grazzano Visconti è il luogo che fa per voi. Un borgo medievale in provincia di Piacenza che ha conservato pressoché inalterato il suo aspetto. Cosa troverete a Grazzano Visconti? Prima di tutto un castello (con tanto di fantasma, e se siete abbastanza coraggiosi, ma anche un po’ romantici, vi invito a conoscere la storia di Aloisa, leggendo qui)  circondato da un enorme parco in cui è possibile effettuare visite guidate (qui per informazioni). Nel p...

Read More

Guarda che sono due – la supermamma fa il bis

guardachesonodue_cover

Lei è un po’ l’amica del post panza che tutti dovrebbero avere. Quella che quando sei nel pieno di una crisi esistenziale, dove la domanda meno complessa che ti fai è “sarò mai una brava mamma”, ti dice l’unica cosa che hai bisogno di sentirti dire: “guarda che è normale, ci siamo passate tutte e tutte ci siamo sentite così!”

Imperfette lo siamo tutte. Allora diventa davvero importante avere qualcuno che ti ricordi che non ci sono metodi universali per crescere un figlio. Ognuno trova il suo, che non è universalmente migliore degli altri, ma è di sicuro il migliore per la propria famiglia.

Dopo il successo di “Guarda che è normale, siamo tutte supermamme, Silvia Gianatti sforna il secondo marmocchio e con lui il secondo libro: “Guarda che sono due! La supermamma fa il bis” e torna a farci ridere e riflettere regalandoci un sacco di spunti utilissimi. Un libro intelligente, ottimista, positivo, per niente saccente. Che ci fa sentire tutte super e tutte normali allo stesso tempo.

Leggetelo se siete o state per diventare mamme bis, se state pens...

Read More

Tu lo sai?

aaabd554ed3611e18e0222000a1c8649_7

Tu lo sai che i sogni sono cristallo

e quando s’infrangono a terra

il tintinnio dei frammenti ti rimbomba nel petto graffiandoti l’anima?

Ma lo sai, non è vero, che comunque ne è valsa la pena?

Read More

I venerdì col marmocchio: il parco acquatico Ondasplash

IMG_7881

Chi l’ha detto che i venerdì col marmocchio non possano essere ugualmente divertenti per grandi e piccini?

In provincia di Pavia, sulle sponde del Ticino e proprio di fronte al famoso ponte delle barche di Bereguardo, troverete il luogo giusto per il divertimento di tutta la famiglia.

Si tratta del parco acquatico Ondasplash, meta ideale per fuggire dall’afa estiva e fingere di essere in una località tropicale pur avendo percorso solo pochi chilometri dalla città.

Cosa trovere...

Read More

#leggiAMOlo: La Biblioteca più piccola del mondo

cover

La biblioteca più piccola del mondo di Antonio G. Iturbe è una storia vera. Più precisamente è la vera storia di come si esce vivi dall’orrore aggrappandosi a un’unica speranza.

“Ad Auschwitz vivere è un verbo che si coniuga solo al presente.”

“Ad Auschwitz il tempo non corre, si trascina.”

Otto libri nel bel mezzo dell’orrore, formano la biblioteca più piccola che esista al mondo. Una bibliotecaria quattordicenne di nome Edita, Auschwitz, i detenuti. Con questi pochi elementi Antonio G. Iturbe costruisce una storia intensa e sconcertante (sconcerta ancor di più scoprire che è una storia ispirata a fatti realmente accaduti).

Auschwitz-Birkenau, gennaio 1944...

Read More

Vita col marmocchio: domande, perplessità, amenità.

IMG_6467

Lei cresce e io rimango indietro. Poi mi adeguo, ma lei è di nuovo un pezzo avanti. Forse non la raggiungerò mai. E invece poi, quando meno me lo aspetto, è di nuovo la mia bambina. E io, però, me ne ero scordata.

Mamma, ma Carlozzo respira? chiede lei cullando il suo bambolotto preferito.

Certo che no, amore, è fatto di plastica e stoffa! butto lì distrattamente, mentre spiccio casa.

Hiiiiii! fa lei pallida in volto. L’idea è che abbia smesso di respirare per solidarietà.

Aspet...

Read More
%d bloggers like this: